La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso

Raccontaci quello che vorresti dalla politica locale e nazionale e insieme potremo realizzarlo. Condividi la tua visione qui.

Log In/Out

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Giovedì, 22 Giugno 2017 02:00

#Varese #LegaCivica travolta dalle indagini

Scritto da

Un'auto della guardia di finanza

La stampa ne sta dando notizia in queste ore: la Lega Civica è travolta dalle indaginiQualcuno si chiede poi, come mai l’indagine sui prestiti della Fondazione Molina abbia portato gli inquirenti a indagare in altre direzioni. Tuttavia la vera comanda è: cosa dice la sinistra? Specialmente a Varese... che dice il Sindaco Galimberti? … il vice sindaco Zanzi? … il presidente del consiglio comunale Malerba?
Tutto tace...
Noi di Agorà Liberi e Forti, a differenza dei forcaioli e dei novelli azzeccagarbugli, con le stesse linee di garantismo declamate in altre occasioni, rispettando il lavoro della Magistratura, ci permettiamo di usare un proverbio tanto usato da un Belzebù partenopeo: Nun sputa’ ‘ncielo ca ‘nfaccia te torna.

locandina Parisi a Varese SALA MONTANARI, VIA DEI BERSAGLIERI LUNEDÌ 17 OTTOBRE ORE 21,00

"Vogliamo che la gente voti per qualcosa e non contro. Basta clima di odio nel centro-destra, vogliamo riportare la gente alla politica, grazie anche al contributo della società civile per costruire un'alternativa tra Renzi e il caos" - Stefano Parisi

VARESE - SALA MONTANARI, VIA DEI BERSAGLIERI - LUNEDÌ 17 OTTOBRE ORE 21:00

Domenica, 07 Febbraio 2016 22:20

#Gallarate: le disfide di Barletta

Scritto da

Le disfide di Barletta, epiche storie d'altri tempi!

Non nominare Caianello invano!

Caro Barletta, non conosciuto, micragnoso professore che aggredi (picchiò) un rappresentante del PDL, tranne poi chiedere ampiamente scuse (accettate) onde evitare conseguenze legali nel pieno della campagna arancione del lontano 2011? Attuale segretario del PD gallaratese (inesistente, politicamente, a detta dei più) assorbito ad un servilismo di un ex Democristiano(?), con i praditori, pardon predatori, di pseudo liste civiche che usano il PD come un autobus a secondo dei casi per poter ottenere cadreghe e incarichi professionali, grazie anche all'allora Uccelli di rovo tra i sostenitori di Attila e della "beneamata" Lista Civica?

Caianiello, caro Barletta! Non Caianello...

Leggiamo oggi l'ennesima presa di posizione del PD Gallaratese, per bocca del suo segretario cittadino Vincenzo Barletta, contro Lega Nord, Forza Italia e il Presidente di Agorà Nino Caianiello.

"Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità!" - lo disse Joseph Goebbels.

A Gallarate i suoi numerosi proseliti, sia fuori che dentro le fila della giunta Guenzani, conoscono molto bene questo insegnamento, perché lo praticano quotidianamente.

Copertina e terza del libro

Si prega di confermare la propria presenza a Nino.

A.A.A. LAVORO OFFRESI

Quel che devi sapere sulle opportunità della Garanzia Giovani


Mercoledì 23 dicembre 2015 – ore 18:00
Palazzo del Lavoro Gi Group
Piazza IV Novembre, 5 – Milano


L'Europa al servizio dei giovani non è un'utopia ma una realtà, che esprime le sue potenzialità tramite la Garanzia Giovani.

Alle volte bisogna dire basta!

La mistificazione della realtà non è tollerabile generalmente e lo è ancora meno su questioni di interesse pubblico. Questo modo di fare deve essere secondo me pubblicamente messo alla berlina. Siamo o non siamo nella terza o quarta repubblica? Forse, per rappresentare qualcuno avremmo dovuto scegliere il polpo perché spruzza una nuvola d'inchiostro per sfuggire ai predatori (tecnica della distrazione) oppure cambia colore per confondersi con l'ambiente prendendosi i meriti altrui (tecnica della mimetizzazione).

È quanto si è appreso al convegno organizzato da Agorà Vìgevano «L'impresa sprigiona lavoro» svoltosi a Palazzo Roncalli il 2 dicembre scorso.

Mattia Fantinati al Meeting di Rimini

"Sono qui per denunciare come Comunione e Liberazione, la più potente lobby italiana, abbia trasformato l'esperienza spirituale morale, in un paravento di interessi personali, finalizzati sempre e comunque a denaro e potere." e ancora "La politica deve essere laica, perché deve fare il bene comune, di tutti."

Il rappresentante del M5S invitato a parlare al Meeting di Rimini, Mattia Fantinati, ha accusato Cl di essere una "potentissima lobby". E lo ha fatto dal palco del meeting, davanti ad una intera platea di ciellini. La platea mugugna. E Vignali ci mette una toppa: "Invitiamo anche i contrari...".

Guarda il video...

Presentazione del libro "Lombardia Migliore? Sì, Lombardia Autonoma" di Mario Mantovani. Lunedì 13 luglio 2015 alle ore 19:00 presso l'Auditorium Testori in Piazza Città di Lombardia - Milano. L'evento vedrà la partecipazione di Alessandro Sallusti, direttore de "Il Giornale" e di Giancarlo Mazzuca, direttore de "Il Giorno", con l'intervento di: Roberto Maroni, Presidente Regione Lombardia; Giovanni Toti, Presidente Regione Liguria; Mariastella Gelmini, Coordinatrice regionale Forza Italia.

Mercoledì, 08 Luglio 2015 09:39

Nino @NCaianiello assolto dal reato di Peculato

Scritto da


Stasera un mio caro amico, più che amico fratello, dopo un calvario giudiziario durato 10 anni, è stato assolto dalla Cassazione perché il reato a lui ascritto (peculato) NON SUSSISTE.
Una gioia perché questo paese, aldilà dei Renzi dei Napolitano dei Letta e dei Monti, ha dimostrato ancora una volta le sue solide radici democratiche costituzionali. Dall'altro mi chiedo chi risarcirà questo Italiano, non tanto dal lato economico/patromoniale, ma nei suoi affetti, la gogna che ha dovuto subire lui e chi gli stava accanto. Questa vittoria la dedico a chi lo ha accusato, a chi lo ha condannato prima che si esprimesse la "vera" giustizia, a chi lo ha infamato all'interno del partito, a chi ha orchestrato tutto questo, a chi, recentemente su fb, lo ha accostato a capo di una banda di galeotti (ma per questo risponderà nelle sedi opportune). La verità è una sola: è un leader. Ciro Calemme

Questa sera la Suprema Corte di Cassazione ha assolto Nino Caianiello – con la formula "il fatto non sussiste" – dal reato di peculato, che gli veniva contestato per la nota vicenda dell’utilizzo del telefono aziendale.
Ci sono voluti dieci anni di calvario giudiziario, ma alla fine la Giustizia, ha saputo riconoscere l’innocenza di Nino della quale io, personalmente, non avevo mai dubitato.
Forse non c’è momento migliore per gridare a grande voce “male non fare, paura non avere!”

Ora mi aspetto che quegli individui, che in questi anni hanno speculato in modo vergognoso su questa vicenda, abbiamo il coraggio di scusarsi, per il male che hanno fatto, spero per loro inconsapevolmente. Alberto Bilardo

Pagina 1 di 14

Cerca

Rassegna Stampa