Giovedì, 29 Agosto 2013 12:42

E Caianiello sogna le aquile «Volare alto e dare risposte»

Scritto da  di Marco Tavazzi su LA PROVINCIA Ed.Varese del 27-08-2013
Vota questo articolo
(2 Voti)
E Caianiello sogna le aquile «Volare alto e dare risposte» E Caianiello sogna le aquile «Volare alto e dare risposte»

«Né falchl né colombe Vorrei un partito di aquile, che sappiano volare alto per trovare poi la soluzione ai problemi».

Nino Caianiello, presidente onorario di Agorà ed ex dirigente del Pdl, cerca di andare oltre la di visione tra i due gruppi che, in vista della possibile crisi di governo a seguito delle vicende giudiziarie di Berlusconi, si collocano su posizioni di intransigenza da una parte di tentativo di dialogo dall'altra.

«Posso capire che il popolo azzurro si senta ringalluzzito dopo avere ascoltato le dure prese di posizione della Santanchè - spiega - ma una classe dirigente deve fare i conti con la realtà, con la necessità di governare il Paese. La politica è l'arte della mediazione, e questo detto è di fondamentale importanza. Perché è necessario infatti che, dopo aver evidenziato, anche in modo duro, i problemi, si passi a trovare una soluzione». 
Secondo Caianiello, insom
ma, la difesa di Berlusconi non deve per forza essere interpretata come una porta sbattuta in faccia al Pd.
«Le nostre ragioni vanno det
te con forza, ma se uno continua solo a picchiare il pugno sul tavolo, non ottiene certo un risultato da parte dell'interlocutore dal quale si vuole ottenere l'appoggio, nel caso di Berlusconi, al tentativo di trovare una soluzione. Noi non chiediamo la grazia od altro, ma una soluzione nell'interesse della rappresentatività di quei milioni di italiani che hanno riposto la fiducia nella figura di Berlusconi».

Letto 987 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Agosto 2013 12:56

Cerca

Rassegna Stampa