Venerdì, 30 Agosto 2013 06:05

Abolizione #IMU, parla Luca #Marsico @PresLucaMarsico

Scritto da  Claudio Bollentini su LA BISSA DE L'INSUBRIA il 29Ago2013
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sul recente provvedimento che ha abolito l'IMU sulla prima casa e sui terreni e fabbricati funzionali alle attività agricole abbiamo sentito il Consigliere regionale del Popolo della Libertà Luca Marsico, che è anche Presidente della Commissione Ambiente e Protezione Civile.

Dice Marsico:

"Con la decisione presa dal Consiglio dei Ministri di ieri di procedere all'abolizione dell'Imposta Municipale Unica (IMU) si è dato attuazione ad un punto fondamentale del patto fondante l'esecutivo nazionale e, si è altresì mantenuta la parola data agli elettori del Popolo della Libertà nel corso dell'ultima campagna elettorale. Un provvedimento che consegna, perciò, sia maggior fiducia che benefici economici alle famiglie italiane, non tassando un bene prezioso qual è la prima casa di abitazione."

Nel dettaglio la prevista rata di settembre sarà abrogata per mezzo di un decreto legge, quanto alla rata di dicembre sarà soppressa mediante provvedimento ad hoc che verrà inserito nella Legge di Stabilità e, da gennaio 2014 si è pianificata una Service Tax omnicomprensiva che riguarderà i servizi inclusa la Tares.

(ndr Agorà)
La nuova imposta comunale federale a carico sia del proprietario che dell'occupante l'immobile, destinata dal 2014 a sostituire l'Imu accorpando quanto dovuto per la tassa sui rifiuti (Tari) e per i servizi cosiddetti indivisibili (Tari) preoccupa perché, tra pochi mesi potrebbe essere a carico degli inquilini parte degli oneri relativi alla nuova tassa oggi pagata solo dai proprietari. Noi di Agorà Liberi e Forti sappiamo che l'80% degli inquilini ha un reddito lordo inferiore ai 30mila euro, che già oggi il 90% delle circa 70.000 sentenze annue di sfratto sono per morosità ed infine che in Italia sono 650mila le famiglie che hanno diritto ad una casa popolare avendone i requisiti certificati dai Comuni. Quindi vigileremo e se necessario faremo sentire la nostra voce.

Letto 1404 volte Ultima modifica il Venerdì, 30 Agosto 2013 06:35

Cerca

Rassegna Stampa