La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Giovedì, 26 Settembre 2013 16:09

@NCaianiello : L'Italia affonda e tutti imitano Schettino

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sembra che i Parlamentari del PDL, se Silvio decade, si dimettano; Sembra che Letta non sappia cosa succede, ma ha detto: se non riesco, se questo, se quello... non mi lascerò logorare... nel caso mi dimetto; Napolitano minaccia: "niente pressioni... nessuno s’illuda che io sciolga le Camere... nel caso mi dimetto".

Peccato poi che si ricandidano! Parlamentari, Premier e magari anche Napolitano; Persino la Fornero si è resa disponibile.

Peccato che Telecom, Parmalat, Buitoni, Santarosa, Valentino, Alitalia, Peroni, Loropiana, Algida, Gancia, Carapelli, IlVA, Fiat, Finmeccanica, ENI e tante altre aziende agroalimentari sono volate all’estero!

Peccato che il primo trimestre 2013, restituisca una fotografia a tinte fosche: i posti di lavoro sono 24,3milioni e rispetto all’inizio della crisi (primo trimestre 2008) sono andati persi, 998mila posti di lavoro con un calo percentuale pari al 3,9%.

Peccato che negli ultimi 6 anni abbiamo perso 8 punti di PIL.

Peccato che per interessi sul debito pubblico italiano stiamo spendendo 84 miliardi di euro all’anno.

Peccato che non sia stata emanata nemmeno una Legge di iniziativa parlamentare da qualche anno a questa parte.

Peccato che in Lombardia e in particolare a Varese stiamo subendo un’emorragia, probabilmente irrimediabile, di imprenditori che spostano “semplicemente” la loro sede a Chiasso.

Qual’è l’iniziativa Parlamentare a fronte di tutto questo? L’iniziativa Parlamentare esiste in Italia o decretiamo? Decretiamo...
Decretiamo lo scudo anti-spread, che abbiamo risparmiato 5 miliardi di interessi in due anni e contemporaneamente aumentato il debito di 175 miliardi. Decretiamo...
Decretiamo un aumento dell’IVA che ci è costato 5 miliardi anziché darcene 4;
"Sì... No... Forse... alcuni economisti non sono sicuri di cosa sia accaduto" chiedetelo alla gente dico io!
E siamo qui ancora a discutere se dobbiamo riprovarci... magari siamo più fortunati, decretiamo, nel caso qualcuno si dimetterà;
D’altronde per non aumentare l’IVA abbiamo bisogno di trovare 4 miliardi; D’altronde siamo al rischia o raddoppia!

Peccato che noi dal territorio abbiamo posto più volte e continuiamo a porre l’esigenza di varare riforme serie, volte a dare speranza sia agli imprenditori che alle famiglie... e loro siano lì ancora a rivalutare la decisione sull’ICI.

Per rimettere in moto l’economia e quindi per far ripartire l’occupazione, si deve dare impulso al credito e vanno tagliate le tasse, ma soprattutto lavorare... non dimettersi.

Letto 1270 volte Ultima modifica il Venerdì, 27 Settembre 2013 15:12
Nino Caianiello

Presidente Onorario e Co-Fondatore di Agorà Liberi e Forti

Cerca

Rassegna Stampa