Rassegna Stampa

Rassegna Stampa (15)

Domenica, 03 Agosto 2014 09:54

La leadership passa dall’etica

Scritto da

Si deve fare di più per servire la società. Le organizzazioni sono ormai la forza trainante nel mondo. E le "Relazioni Pubbliche" devono lavorare perché tanto le imprese quanto i governi abbiano uno scopo morale oltre che economico. Solo da questo passa la fiducia nella leadership. Lo sostiene il presidente di Global Alliance, Anne Gregory, illustrando alcuni dei temi che verranno affrontati a settembre al World PR Forum di Madrid.

Nino Caianiello a Ox Tv ospite di Michele Muscatello a Terza Camera 

Nino Caianiello a Ox Tv ospite di Michele Muscatello a Terza Camera. Nino parla di Agorà, Liberamente politica, il futuro del centro destra, Gallarate, la situazione di Somma Lombardo e tanto altro. Guarda il video.

Un'oasi ambientale dove le specie autoctone di flora e fauna vivono protette, un patrimonio vivente che i varesini hanno avuto il merito di pensare e difendere per tramandarla di generazione in generazione.
La Palude Brabbia compie 30 anni e una festa coi fiocchi è in calendario da venerdì 20 a domenica 22 settembre per celebrare come si deve i tre decenni di esistenza della Riserva naturale che da 20 anni è anche oasi LIPU. 

Saranno presto i nuovi assessori del Popolo della Libertà a rendere conto di quello che stanno facendo, a tre mesi dall’insediamento. Ma, intanto, il coordinatore della sezione sommese puntualizza su qualche nodo aperto dall’ex alleato di giunta dell’Udc Luigi Mancini.

L’ex assessore Mancini chiede perché non si proceda con un bando europeo per la gestione della mensa scolastica, il cui appalto, in scadenza, è stato rinnovato fino alla fine dell’anno, per poi indire una gara pubblica.

Gettare le basi del partito che verrà. È questo lo scopo dell'associazione «Agorà, Liberi e Forti» che sbarca nella Bergamasca, capitanata dal senatore del Pdl Marco Pagnoncelli.
L'associazione, nata a Varese, punta a dare più spazio al merito nel Pdl e nella futura Forza Italia e a rafforzare i legami con il territorio, vero grande handicap a cui il partito non ha mai dato soluzione, anche in vista delle prossime Amministrative del 2014.

Vertice di Agorà a Varese «Diamo più spazio al merito e più legame con il territorio».

Ai laici di Agorà sia stretto il Pdl. «Ma senza di noi il partito è fermo». Si prepara la riscossa in vista delle amministrative: all'assemblea della componente si scatenano i mal di pancia.
Contro un partito nel quale faticano a riconoscersi ancora ma anche contro dei compagni di viaggio (il riferimento a CL e alle altre componenti non è casuale) con cui la convivenza è difficile.

Sul recente provvedimento che ha abolito l'IMU sulla prima casa e sui terreni e fabbricati funzionali alle attività agricole abbiamo sentito il Consigliere regionale del Popolo della Libertà Luca Marsico, che è anche Presidente della Commissione Ambiente e Protezione Civile.

«Né falchl né colombe Vorrei un partito di aquile, che sappiano volare alto per trovare poi la soluzione ai problemi».

Nino Caianiello, presidente onorario di Agorà ed ex dirigente del Pdl, cerca di andare oltre la di visione tra i due gruppi che, in vista della possibile crisi di governo a seguito delle vicende giudiziarie di Berlusconi, si collocano su posizioni di intransigenza da una parte di tentativo di dialogo dall'altra.

Da Comi a Taldone fino a Clerici: i falchi varesini del Pdl in pressing contro il Governo. L'area delle colombe s'allarga dai ciellini ai laici alla Marsico. Lega incerta sull'alleanza.

Il Pdl è diviso tra chi vuole rompere con il Governo, e chi no. E se si tornasse a elezioni anticipate, la Lega, che pure auspica la fine del governo Letta, si troverebbe nella scomoda posizione di scegliere se andare a elezioni con i berlusconiani oppure no.
Le opinioni discordanti nelle fila pidielline non consentono una semplice differenziazione tra soli falchi e colombe. 
C'è chi punta a creare una sintesi, moderando i falchi ed estremizzando un pochino le colombe, come Nino Caianiello.

 

Il 2 maggio il Governo è stato battuto in Senato. La posta in gioco era decisamente alta: taglio alle pensioni d'oro dei burocrati di Stato che oggi godono di stipendi milionari e che avrebbero goduto, nel caso in cui l'emendamento promosso da quattro senatori dell'Italia dei Valori non fosse passato, anche di pensioni altrettanto stellari. Ma la notizia è un'altra: ben 94 senatori hanno votato contro. E la maggior parte sono targati Pd.

Il sindaco di Varese Attilio Fontana può stare tranquillo. Non ci saranno imboscate, né colpi bassi, da qui all'autunno. Però. Ecco, c'è un però, che va spiegato. È, più o meno questo, il segnale che arriva dalla riunione di mercoledì in una nota pizzeria gallaratese dell'associazione Agorà, che raggruppa la corrente laico-liberal del Pdl, ma non solo. I colonnelli del gruppo hanno messo in chiaro una cosa: l'amministrazione del capoluogo non è in pericolo, a patto che si cambi rotta sul coordinatore cittadino.

Ora è Aldo Colombo, in quota CL. Dovrà lasciare spazio a un esponente di Agorà per rispettare quel delicato equilibrio di forze centripete e centrifughe che da tempo mantiene il Pdl su un sottile filo. Il tutto, secondo i diretti interessati, senza traumi, né fratture. L'obiettivo di Agorà è di concordare il passaggio di consegne con le altre componenti e il candidato ideale, al momento, sembra essere Gianpaolo Ermolli, già vice sindaco nel primo mandato Fontana.

Cerca

Rassegna Stampa