La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Domenica, 15 Settembre 2013 16:36

#BustoArsizio: Firme al referendum, gente in coda e tornano le bandiere di Forza Italia #GiustiziaGiusta

Scritto da  m.l.su LaPrealpina di domenica 15 settembre 2013
Vota questo articolo
(3 Voti)

Ieri mattina in via Milano, a un certo punto, s'è creata la coda davanti al banchetto della raccolta firme per il referendum sulla "giustizia". Centinaia di persone a sostenere l'iniziativa promossa dal Pdl (per la precisione dalla sue componenti Dialogando - Agorà Liberi e Forti e Sturzo Libertas) e anche una sorpresa. Per richiamare i cittadini durante il passeggio del sabato mattina, infatti, i promotori hanno deciso di colorare la loro postazione con le bandiere di FORZA ITALIA piuttosto che con quelle del Popolo delle Libertà.

Una decisione che cerca di anticipare i tempi e un po' spariglia le carte nel partito in queste settimane nelle quali la situazione interna è in evoluzione. Un ritorno al passato per ritrovare smalto e, in effetti, il risultato è stato superiore alle attese. Anche il coordinatore pidiellino Emanuele Antonelli, alla fine l'ha presa bene: "Sapete che sul simbolo di Forza Italia non sono convintissimo, però il riscontro è stato indubbiamente eccezionale". Sbalorditi anche Enrico Salomi, Alessandro Chiesa, Paolo Cicero, Alberto Riva: "Incredibile, in questo momento di distacco dalla politica, vedere persone mettersi in fila spontaneamente, senza bisogno di invitarle ad aderire".

A dirigere i lavori è stato il vice presidente di "dialogando" Orazio Tallarida, ma i volontari e i consiglieri comunali autenticatori che si sono prestati all'impegno sono stati tanti. A un certo punto si è presentato anche il sindaco Gigi Farioli, entusiasta del traguardo raggiunto e, in cuor suo, anche di quei vessilli sventolanti che riportano molti militanti dell'aria Berlusconiana a rivivere indimenticate emozioni.

Letto 1150 volte Ultima modifica il Domenica, 15 Settembre 2013 17:12

Cerca

Rassegna Stampa