La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Sabato, 31 Maggio 2014 00:00

#pVarese: Cardano Vive vince mentre a #CardanoAlCampo si rischia la vita? - Acqua problema risolto giorni fa, ma non bevetela

Scritto da  FI Cardano
Vota questo articolo
(0 Voti)

Brusco risveglio per il neo Sindaco di Cardano al Campo Angelo Bellora, mentre era tutto intento a formare una giunta (aveva anche appena chiesto di non dargli fretta) è costretto ad affrontare un problema gravissimo ereditato dalle giunte precedenti. Purtroppo la realtà, che invece noi conosciamo bene, è che amministrare una città non ammette pause.

Il problema era invisibile e sembra venisse ben taciuto da tempo, ma ora, per sfortuna dell'amministrazione vincente, ma lasciateci dire, per fortuna dei cittadini, quanto ignorato per anni è diventato visibile: Dai rubinetti di una parte di Cardano esce acqua torbida, sporca e a volte maleodorante.

Le condutture dell'acqua sono vecchie e malridotte in tutta Italia e in alcuni casi la situazione si aggrava per la presenza di tubature in amianto. Legato a questa realtà esiste un problema di salute pubblica che deve essere prioritario, non ci sono scuse di soldi. Ma esiste anche un problema di sprechi di acqua potabile. Quindi non si capisce davvero come sia possibile non trovare i soldi per tutelare la salute pubblica e contemporaneamente per risparmiare i soldi dell'acqua sprecata. Acqua dolce che è un bene primario, soprattutto dopo che è stata anche potabilizzata.

Il dilemma di una parte dei cittadini di Cardano sembra sia il seguente: le amministrazioni precedenti e quella attuale non conoscono le componenti dell'acquedotto; oppure le amministrazioni precedenti sapevano che sono presenti tubature in amianto e non hanno fatto niente? Esiste un monitoraggio delle strutture e se no perché non è stato attuato?

Sì perché niente vuol dire né sostituire né monitorare.

Qualsiasi risposta a questo dilemma presenta una realtà già di per se gravissima, ma ad aggravarla se possibile è che siano di inizio campagna elettorale le segnalazioni di Cardano Rinasce sulla questione contingente. Segnalazioni che scaturivano da tanti cittadini che hanno segnalato questo problema. Cittadini inascoltati sia da parte di AMSC che allora rispondeva ad uno "non sappiamo nulla", giustamente questo gli ha risposto "adesso lo sapete"; sia da parte dell'amministrazione che addirittura non rispondeva. 

Le attività nostre, ma anche quelle spontanee, su internet sono state tacciate come "inutili" polemiche, l'amministrazione uscente ha risposto ai cittadini che il canale ufficiale di comunicazione era perfettamente funzionante. Quindi ci chiediamo perché non abbiano risposto. Tanto funzionante che non si è fatto nulla anche dopo tutte le "polemiche inutili". Ho telefonato anche io personalmente ad AMSC visto che non faceva nulla e mi hanno riattaccato, oppure è caduta la linea... più volte. Evidentemente erano troppe le segnalazioni.

Eppure non si è fatto nulla. L'unica attività che ci risulta è stata una ben non precisata analisi dell'acqua che ha portato alla comunicazione: l'acqua è potabile. Dove è stata fatta l'analisi? Come è possibile definire potabile un'acqua che non è limpida? Le analisi non devono essere fatte di continuo e in vari punti degli impianti? È partito un monitoraggio speciale della situazione? 

Il giorno 30, ieri, per l'ennesima volta è stato segnalato il problema, alcuni giornali riferiscono di un orario intorno a mezzo giorno, andate a vedere gli orari dei post su internet. Le segnalazioni sono della mattina presto, sul tardi invece qualcuno ha iniziato a parlare di magistratura e della trasmissione "vergogna" di Rete 55. Solo allora si è mobilitato il Sindaco, AMSC, la Protezione Civile e l'apetta di Totò con l'altoparlante.

Noi siamo vicini a tutti i cittadini di Cardano, che come molti sicuramente già bevevano acqua commerciale, che possono ora cuocere a caro prezzo la pasta con l'acqua in bottiglia, che non sappiamo come possano fare per lavarsi, che non sappiamo che acqua abbiano usato, in particolare nei giorni scorsi.

Come siamo vicini a tutte le attività commerciali che usano l'acqua pubblica per il loro lavoro, pensate al danno che hanno subito loro e i loro clienti.

E che ora stanno subendo e che fino a quando dovranno subire non si sa.

Signor Sindaco, l'acqua torbida la bollisca a casa sua e se ne faccia quello che vuole, perché a parte lo schifo, noi persone comuni, con un minimo di istruzione sappiamo che con la bollitura i batteri muoiono, mentre se dentro c'è l'amianto o altri tipi di inquinanti la bollitura ne aumenta la concentrazione. Quindi abbiamo deciso di prelevare noi campioni di acqua che è attualmente in analisi e vi faremo sapere.

Qui sotto trovare il video del servizio preliminare di Debora Banfi nel TG di Rete55 loro non mollano l'osso e neanche noi e chiamatele se volete... polemiche, ma quelle "inutili" non sono le nostre.

Letto 1666 volte Ultima modifica il Lunedì, 18 Giugno 2018 08:30

Video

Servizio di Debora Banfi sull'acqua sporca a Cardano al Campo nel tg di rete 55 del 30 maggio YouTube Standard & Rete55 Courtesy

Cerca