La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Mercoledì, 01 Ottobre 2014 13:50

#CardanoAlCampo: La guerra a sediate!

Scritto da  FI Cardano
Vota questo articolo
(2 Voti)

Tutto tace a Cardano dalle ultime elezioni comunali, almeno per i cittadini, il silenzio è interrotto solo da strani uccelli che volano alti nel cielo disegnando un teschio... pardon un cerchio. Ad aguzzar l'orecchio s'ode anche un fracassar di sedie nelle segrete stanze.

Ma cominciamo dall'inizio.

I nostri "amici" di «Cardano Vive» si sono presentati alle scorse elezioni amministrative con molti problemi e diatribe interne, che non sono stati in grado di risanare, nemmeno dopo la vittoria spuntata sul centrodestra per poco più di 200 voti.
La giunta si è trovata in uno stato di "estrema colite" ad affrontare la crisi economica e le pesanti responsabilità ereditate dalle giunte precedenti ed il risultato è lo stallo... pardon hanno deliberato l'aumento a fondo scala di tutte le tasse comunali e dei buoni mensa per gli studenti delle scuole di primo grado.

Dopo le tanto meritate ferie, per chi ha avuto la fortuna di lavorare, sembrava tutto risolto. La "partecipazione democratica" ha presentato il nuovo bilancio alla cittadinanza è stato un coro di critiche tra il pubblico ma il cittadino medio non si sarebbe mai aspettato che la Giunta non riuscisse nemmeno a votarselo da sola.

Intanto il "paese" cade a pezzi, urgono interventi importanti su scuole, servizi pubblici, servizi sociali, sicurezza, ma non si vede nemmeno l'ombra di un minimale piano d'azione. Durante l'estate non si è vista l'ombra, in municipio, neanche degli assessori, forse perché essendosi ridotti il compenso, non era così proficuo recarsi in ufficio, forse per lo sforzo delle elezioni.

Costoro non fanno politica per passione ma per la cadrega e/o per interesse economico, tanto che le recenti dimissioni dal PD dell'Assessore (e lo scrivo con la E finale, perché il termine "assessora" non esiste in italiano) Elena Mazzucchelli, non l'hanno saggiamente indotta a mollare la poltrona.
Un cittadino cosa si domanda a questo punto? Sei stata eletta nelle fila del PD? Bene! Ti dimetti dal PD? Bene! Ti dimetti dalla carica, perché non devi tradire il voto dei cittadini, invece no! Perché di onore e coerenza c'è ben poco nella politica della sinistra.

L'unico chiodo fisso della sinistra è finanziare le loro manifestazioni inutili e dispendiose, che non piacciono ai cittadini e che non portano giovamento né beneficio ai commercianti di Cardano.
Invece qualcuno nelle fila di questa maggioranza labile e tormentata, pensa a togliere i fondi all'istruzione, a scuole che hanno più anni dei loro nonni, perché ciò che per loro non è di alcun interesse si può tagliare, mentre i loro miseri eventi devono prevalere sulle necessità primarie della comunità.

I cittadini continuano a lamentarsi con noi degli sprechi, la casa Paolo Sesto, la piastra sulla superstrada, l'abuso edilizio con una fontana inutile, pericolosa per i bambini dell'asilo pubblico, la famosa cava acquistata con lo scopo di creare un'oasi faunistica, poi lasciata al degrado e al rischio di incidenti per gli avventori, la mitica e celeberrima piscina mai realizzata, costata sessantamila euro per un ricorso al TAR dell'azienda incaricata del progetto, per le strade che cadono in pezzi, per gli autovelox illegali che hanno contribuito a dilaniare i portafogli dei cittadini che si recavano al lavoro al mattino, per la scuola Elementare Ada Negri che è ridotta in uno stato pietoso, non si è fatto alcun intervento strutturale da circa 20 anni e così via dicendo.
Ma questi signori vanno avanti a testa alta e non hanno un benché minimo barlume di decenza, tanto "paga Pantalone", chi se ne frega.

Poi la situazione poco chiara forse clientelistica, nella gestione della casa Paolo VI, nella gestione del chiosco del parco Usuelli. Ma scusate se apro la parentesi. Le latrine del Parco Usuelli, non sono parte del capitolato di gestione?

Se vado al bar "privato" XYZ a bere un caffè, devo andare a fare i miei bisogni in un altro posto? I bagni pubblici a Cardano non sono stati sostituiti da quelli dei BAR per statuto come in tutti gli altri paesi? Le ASL spesso infieriscono contro i gestori per le piastrelle che non sono alla giusta altezza o non hanno il secondo, o a volte, il terzo bagno, perché non vanno a vedere lo stato pietoso delle latrine del parco Usuelli? Siamo nel 2014, non è concepibile un tale degrado e questa mancanza di igiene! Ma poi dico quando si cambia gestione in un BAR non si deve chiamare la ASL? Oppure se non ristrutturi fa niente, via così per 100 anni?

Cosa ci viene da dire ai nostri cari amministratori comunali?
ANDATEVENE A CASA e stateci per un bel po', visto che ogni volta che fate o non fate qualcosa, ogni volta che state in silenzio o aprite bocca, oltre che parlare a sproposito, fate solo danni.

Letto 1159 volte Ultima modifica il Lunedì, 18 Giugno 2018 08:28

Cerca