La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Giovedì, 15 Gennaio 2015 09:31

Parigi e #CardanoAlCampo #JeSuisCharlie

Scritto da  Patrizio Strino
Vota questo articolo
(0 Voti)

Quanto è accaduto a Parigi ed ha lasciato sbigottito me e gran parte del mondo civile e che ha lacerato una ferita già aperta verso il mondo islamico, mi fa dire che è un momento veramente delicato.

Da più parti si cavalca il terrore e si fa solo demagogia, chiedendo di inasprire misure contro quel mondo fino, in alcuni casi, chiedere di ripristinare la pena di morte...
Io penso che bisogna prendere le distanze da quelli che ragionano (forse no) in questo modo, ma dico pure che la multicultura non è possibile.

Dico che siamo diversi in troppi valori ed anche che è controproducente essere sempre buonisti...
Quindi il voler preservare a tutti i costi le nostre tradizioni e valori e pretendere che gli altri si adeguino e si integrino a quanto esiste già nel nostro Paese, è la cosa più giusta e non deve lasciare alcun appiglio a discorsi diversi.
A Cardano è sempre più sentito il bisogno di sentirsi a casa propria e fermenta sempre di più il malcontento tra la gente che ricorda di vietate benedizioni in classe nelle scuole ed il divieto di presepi e quant'altro fosse radicato nei sentimenti prima che nei territori come il crocifisso attaccato alle pareti.
A cardano sempre, fa specie che non ci siano state dichiarazioni in merito a quanto accaduto in Francia, nessun Je suis Charlie o bandiere a mezz'asta...
Tutto è così squallido... e non dovrebbe esserlo.

Forza Italia di Cardano è Charlie e chiede alle istituzioni di vigilare e di non restare in silenzio.

Letto 814 volte

Cerca