La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Mercoledì, 18 Febbraio 2015 13:22

La consulta delle attività a #CardanoAlCampo arriva dal basso

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
La consulta delle attività a #CardanoAlCampo arriva dal basso La consulta delle attività a #CardanoAlCampo arriva dal basso

Essenziale ma decisamente positivo il primo incontro pubblico che doveva essere di presentazione per la costituzione del comitato e della consulta delle attività economiche, ma si è presto trasformato in una vera e propria prima seduta. Cardano ha dovuto attendere infatti quasi 9 mesi e solo grazie alla decisiva spinta dal basso degli imprenditori, a partire da Salvatore Tessitore e Sabrina Carta, per ottenere questo inizio. Pur essendo "previsto dal programma elettorale" come si è premurata di sottolineare l'assessora Elena Mazzucchelli.

Salvatore Tessitore ha addirittura tenuto la conferenza stampa nei giorni scorsi e tirato le fila di questo incontro esordendo con un dato di fatto: le attività di Cardano al Campo sono scese in due decenni dalle oltre 1700 dei mitici anni '90 alle circa 800 di oggi.
Certo la crisi, ma anche l'assoluta assenza di tutte le giunte dal 97 ad oggi, politicanti che non hanno saputo neanche valorizzare dal punto di vista culturale questo importante territorio, situato in una posizione strategica come recita wikipedia. Ricco di storia industriale, luogo che ha visto la nascita di storiche aziende. Politicanti assenti in tutto, oggi persino nelle vicissitudini di Malpensa. Una idea della situazione viene direttamente dall'assessora, che più o meno si è programmata per marzo l'inizio dei lavori per EXPO, forse pensando di essere ancora nel 2014.

Tanto tempo perso, quindi bisogna recuperare: obiettivo della nuovo organo sarà quello da un lato di stimolare le attività cardanesi, facendo rete, con particolare attenzione alla "valorizzazione del commercio di vicinato, delle attività artigianali, commerciali ed industriali" - ha dichiarato Salvatore Tessitore - dall'altro di interfacciarsi con la Giunta per catalizzare finalmente qualche tipo di azione incisiva sia per le attività economiche che per i cittadini.

La valorizzazione delle attività economiche e produttive del territorio dovrebbe essere uno degli obbiettivi principali di ogni città, ma in tempi di crisi dovrebbe addirittura essere prioritario al pari delle politiche sociali. Al contrario il destino non può essere altro che diventare una città dormitorio o peggio ancora fantasma. Bene lo ha trasmesso il pubblico, come lo abbiamo definito essenziale (erano presenti infatti quasi esclusivamente referenti delle associazioni), è bastato un po' di incitamento da parte di Paolo Milani, presidente della Pro Loco, ad eliminare le titubanze iniziali e diventare un fiume in piena.

Interessanti e diretti gli interventi di ASCOM, con un Gianfranco Ferrario propositivo, con la voglia di esportare le esperienze della vicina Gallarate, ma anche seriamente preoccupato per le troppe serrande chiuse e di ACAI, con Aronne Prasedi che ha protestato contro la mancanza di progettualità e allarmato per i danni che infligge un regime di tasse elevato in un periodo di crisi. Non si è risparmiato nessuno, non sono mancati interventi anche da ognuno degli imprenditori presenti, come alcuni commercianti che lamentando di essere da tempo inascoltati, hanno approfittato dell'occasione per ripetere un paio di annosi problemi: che due mercati alla settimana in una realtà piccola come Cardano danneggiano le attività locali e che il senso unico di via Roma riduce ulteriormente il già limitato passaggio.

Stonato e fuori luogo (le tasse sui terreni non edificati) solo l'intervento dell'ex Assessore Enrico Pozzi, giudicato da alcuni del pubblico come un inutile tentativo di strumentalizzazione politica.

Letto 1069 volte Ultima modifica il Mercoledì, 18 Febbraio 2015 20:52
Luigi Caruso

Sono il proprietario del marchio WebRobotic® e socio della «Logica S.C.» mi occupo di Comunicazione e Marketing con metodo Olistico.

Mi piace specificare il mio metodo di lavoro, perché tutti poi mi chiedono: “olistico” in che senso? Mi piace perché questa è la caratteristica che mi distingue: un approccio alle cose Multi Disciplinare.

Sto contribuendo alla comunicazione e al marketing di Agorà Liberi e Forti.

Cerca