La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Venerdì, 28 Febbraio 2014 08:05

#Gallarate: Ma da dove venite?

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Notare il lato vuoto Notare il lato vuoto foto CC3.0 autore Luigi Caruso

Ieri sera una piccola delegazione di Agorà Liberi e Forti si è distaccata per andare a documentare il consiglio comunale di Gallarate, il quale si preannunciava particolarmente caldo per la presenza di una folta delegazione dei commercianti tra le fila del pubblico.
Mentre la delegazione principale è tornata a casa felice e forte di chi ha fatto e di chi ha assistito a della buona politica, per il territorio, stando vicina ai cittadini, riflettendo su cosa si può fare per i frontalieri italiani; la seconda -piccolissima- è tornata a casa con forti dolori allo stomaco e una terribile nausea.

Non sappiamo cosa scriveranno questa mattina i "veri" giornalisti.

Per spiegare "a cosa abbiamo assistito" sarebbe stata sufficiente la fotografia di chi sghignazzava alle spalle dei... anzi, in faccia ai commercianti furiosi. Purtroppo, non sono riuscito a trattenere l'emozione, nonostante avessi in mano la macchina fotografica pronta, sono stato colto da profonde fitte che mi hanno bloccato.
Fitte psicosomatiche e nausea per la cattiva politica, nausea per persone che non si riesce a capire da dove vengano, perché certe cose non sono né di destra né di sinistra, non sono spiegabili neanche con la più alta superbia.

Perché -ci chiediamo- è di sinistra essere convinti -nel profondo del proprio cervello- che tutte le proteste contro la propria parte politica siano strumentali? Strumentali e quindi ignorabili! Ignorabili siete voi, tanto forte è la vostra aderenza alla realtà. Per aver svolto il proprio dovere, i banchi della destra sono stati accusati di soffiare sul fuoco, sono stati sgridati per non aver contribuito a sedare gli animi.
È di sinistra pensare che la sensazione di insicurezza di molti cittadini sia solo dovuta a razzismo? Razzismo, quindi ignoranza, dilagante -sembra- a Gallarate, ma anche a chilometri di distanza, perché -cara sinistra- ci risulta che pochi si sognerebbero di frequentare per esempio la stazione, persino di giorno, di sicuro a tarda sera. Ignoranti anche tutti gli amministratori che considerano oltre che la sicurezza reale anche quella avvertita.
È di sinistra pensare che un certo livello di degrado e vandalismi siano da considerare sistemici? Sistemici, giusto, quindi un semplice passivo di bilancio. Come dicono quelli di striscia la notizia, "sono ragassi". Questo insegnate ai vostri figli, così, vi comportate a casa vostra, già, casa vostra, Gallarate non è casa vostra.
È di sinistra puntualizzare ad un pubblico che protesta che non viene sbattuto fuori -come dire- per gentile concessione? Concessione, come concedere a chi ti paga profumatamente di protestare se non fai bene il tuo lavoro, puoi stare -incazzato- ma non gridare troppo, non applaudire troppo chi dice cose buone e giuste. Come se partecipare ad un consiglio comunale come pubblico fosse una cosa passiva. Ma da dove venite?

È di sinistra sgridare il presidente del consiglio perché richiama per quattro volte il pubblico e non prende provvedimenti? Provvedimenti? Vergogna, una sola parola, vergogna!
Perdonateci se dai banchi della destra siamo costretti a lavorare per vivere, perdonateci se ascoltiamo, perdonateci se ci immedesimiamo, perdonateci se insistiamo sul nostro territorio, perdonateci se pensiamo anche a chi crea l'economia e i posti di lavoro. Siamo fatti così, cosa ci volete fare dovrete sempre di più sopportarci.
È di sinistra dire "fate i seri" e poi recitare una supercazzola dicendo che la crisi e le imposizioni dello stato italiano non dipendono da questa amministrazione? Amministrazione, che non ha la minima idea del proprio compito, compito che non è solo barcamenarsi e pensare ai suoi, compito che è quello di intervenire nel sistema quando c'è una crisi, ascoltare quando una delegazione di cittadini si lamenta, intervenire quando serve, altrimenti è solo un parassita inutile.
Un parassita, che non si rende conto di uccidere il corpo che lo ospita, che non si rende conto di essere ospite, che ingurgita 20 milioni di euro, poi vende un gioiello di famiglia al compro oro, ne ricava altri 12 milioni, infine si vanta di riuscire a fare tutto con soli 6 milioni.

Terribile, ma ancora più terribile è che questo non è il modo di fare di singoli, no!
Domenica Marino blocca Roma, peccato originale di Veltroni e peccato di decenza di Renzi; la prossima settimana la corte dei conti a sezioni riunite -quasi sicuramente- decreterà il crack e relativo commissariamento di Napoli, peccato originale della Jervolino e peccato di orgoglio ed omissione di DeMagistris che non ha voluto ascoltare ed ammettere; Milano! Milano non si sente tanto bene, le primarie PD hanno confermato qualche linea di febbre.

Letto 1600 volte Ultima modifica il Venerdì, 28 Febbraio 2014 09:05
Luigi Caruso

Sono il proprietario del marchio WebRobotic® e socio della «Logica S.C.» mi occupo di Comunicazione e Marketing con metodo Olistico.

Mi piace specificare il mio metodo di lavoro, perché tutti poi mi chiedono: “olistico” in che senso? Mi piace perché questa è la caratteristica che mi distingue: un approccio alle cose Multi Disciplinare.

Sto contribuendo alla comunicazione e al marketing di Agorà Liberi e Forti.

Cerca

Rassegna Stampa