La nostra rete

made with love from Joomla.it

Avviso Legale

Ai sensi della Legge 62 del 2001, agoraliberieforti.org non è un prodotto editoriale.
Come tale non rientra nella definizione di cui all'art. 1 della medesima legge (con applicazione della connessa disciplina) e in particolare non è soggetto agli obblighi di cui alla legge 47 del 1948, artt. 2 e 5, anche perché agoraliberieforti.org /oltre non essere un prodotto editoriale/ non è una testata giornalistica.

Giovedì, 20 Giugno 2013 06:43

Sentenza Caianiello / AMSC: un problema di responsabilità politica, prima che amministrativa

Scritto da  FI Gallarate
Vota questo articolo
(1 Vota)

Premesso che la nostra posizione nei confronti delle sentenze e dei processi è sempre la stessa, solidamente ancorata al principio che la giustizia debba fare il proprio corso, la recente condanna subita da AMSC, a seguito della causa intentata dall'ex Direttore Generale, licenziato “in tronco” nel luglio del 2011, ci offre alcuni spunti di riflessione.

A nostro avviso politicamente conta l'insieme di significati che questa vicenda sottende.

Il primo atto significativo della nuova governance di AMSC Impianti & Servizi, insediatasi a seguito delle elezioni del 2011, vinte dal Centro-Sinistra con una campagna elettorale con attacchi rivolti proprio nei confronti dell'ex Direttore Generale, è stato proprio il licenziamento dello stesso.

A distanza di poco meno di due anni, arriva la sentenza che di fatto “boccia” il primo atto della gestione amministrativa della squadra voluta dalla maggioranza, guidata da Guenzani.

Il nostro Sindaco, da politico navigato e soprattutto da buon attendista, ha sicuramente fiutato la pericolosità politica della vicenda e ha reagito nel modo che gli è più congeniale.

La scelta è stata quella di tentare di spostare l'attenzione sull'azione di responsabilità nei confronti del vecchio management di AMSC, di cui si parla ormai da due anni senza che nulla di concreto, se non le costose consulenze finora resesi necessarie, ha prodotto.

Si badi che questa possibile azione non ha nulla a che vedere con la vicenda specifica e che ha percorsi e tempi diversi, ma appare a nostro giudizio come un modo per prendere le distanze da Girardi e Praderio, senza doverlo ammettere in modo plateale.

Ricordiamo che all'epoca dei fatti la presidenza della Società era stata da poco affidata proprio a Girardi, che ha mantenuto l'incarico fino all'accorpamento della Impianti & Servizi in AMSC S.p.A. della quale è tutt'oggi consigliere di amministrazione.

Appare curioso come lo stesso Girardi oggi si defili, scaricando il barile sul suo “compagno di banco" Praderio. Girardi infatti dichiara in modo disarmante: “Non ne sapevo nulla, forse dovreste parlarne con il presidente. Davvero, non ho seguito la pratica e no so come commentare.”

Ma come, proprio colui che dispose il licenziamento dell'ex Direttore Generale, scelta per cui ora AMSC dovrà “sborsare” il cospicuo indennizzo disposto dal Tribunale non sa nulla della vicenda ? 

Ci pare paradossale, anche perché negli ambienti democratici del governo gallaratese, l'importo che oggi AMSC dovrà pagare, dato che costituisce una perdita certa, verrebbe definito "democraticamente" un danno per la società e richiederebbe, sempre secondo gli usi attuali, quantomeno l'attivazione di un consulente per valutare la portata del danno.

Francamente l'atteggiamento di Girardi appare “equipollente” a volersene lavare le mani lasciando il cerino acceso in mano al Presidente in carica Praderio.

Già, a Praderio che con il cerino acceso in mano, canta vittoria per il mancato reintegro dell'ex Direttore Generale, facendo finta di non aver capito che l'obbligo di riassunzione non fa parte delle prerogative previste dal contratto di lavoro dei dirigenti.

Registriamo in ultimo il silenzio dei rappresentati del PD, di SEL e Città è Vita (se è ancora in vita), i quali evidentemente non hanno digerito il risvolto della sentenza e soprattutto non vogliono compromettersi difendendo una situazione che ai più appare insostenibile.

Oggi non possono più in alcun modo dire che “è colpa di chi c'era prima” e neppure possono addossare al passato responsabilità, che non è più plausibile, neanche per i più trinariciuti, ipotizzare.

Chi ha deliberatamente licenziato, democraticamente, si assuma le sue responsabilità che sono innanzitutto politiche prima che amministrative. 

E ora. Ora ci aspettiamo che chi oggi governa sia coerente con quanto ha predicato in questi mesi.

Ipotizzerà una azione di responsabilità nei confronti della nuova gestione di AMSC ?

Letto 2476 volte Ultima modifica il Lunedì, 18 Giugno 2018 08:07

Cerca

Rassegna Stampa