Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 671
Giovedì, 04 Luglio 2013 16:20

Gallarate e i democratici bilanci

Scritto da

L'illustrazione di Praderio sui bilanci di Amsc ricorda per molti versi la metodologia usata dal compagno di coalizione Lovazzano per il bilancio del Comune.

Si punta ad un ricerca di responsabilità del passato, si dice che si è stati più accorti nelle spese con tagli e riduzioni, per finire ad autocongratularsi per aver sistemato i conti pubblici e che ora si può guardare avanti.

E mentre va in onda il solito sceneggiato, ecco il "fumogeno" che distrae dai dati reali ma che risveglia dal torpore a cui ci ha abituati questa amministrazione, l'azione di responsabilità.

Martedì scorso, in regione, con il voto unanime di Pd, PdL, Lista Ambrosoli, Lega e Civica Maroni è stata approvata una mozione proposta da Movimento 5 Stelle che blocca l'ampliamento di tutti gli inceneritori presenti in Lombardia.

Il giorno stesso però Giampaolo Sablich, capogruppo Cinque Stelle a Palazzo Gilardoni, coglie la palla al balzo e deposita una mozione in cui chiede, in linea con il provvedimento del Pirellone, che:

".. anche Busto si attivi per fermare il revamping dell'inceneritore Accam e trovare alternative .."

Le ultime elezioni politiche, regionali e amministrative hanno di fatto sancito la lontananza del cittadino dai partiti e da questo sistema elettorale.

Il Presidente della Repubblica ha più volte rinnovato l'istanza della modifica della legge elettorale vigente, ma sia dopo i suoi vigorosi appelli sostenuti dal parere dei Saggi da Lui nominati, sia dalla convinzione /spesso a parole/ dei vai partiti e relativi esponenti parlamentari: difficilmente si otterrà questo risultato.

Il Ministro Quagliariello si dibatte in questi meandri ed è vittima ormai addirittura del cosiddetto "fuoco amico".

I cittadini si allontano dalla politica e dal voto solo per il sistema elettorale?

Egregio Sig. Sindaco

Egregio Sig. Presidente del Consiglio Comunale

Egr.i Sigg. Presidenti Commissioni LL.PP - Servizi Sociali - Partecipazione Democratica

Egr. Segretario Comunale

A seguito a quanto sta accadendo in merito alle convocazioni delle commissioni consiliari di questi giorni ci troviamo a dover esprimere il nostro disappunto.

Mercoledì, 03 Luglio 2013 06:56

Promozione a cinque stelle

Scritto da

Il Luca Marsico che presiede la Commissione Ambiente e Protezione Civile della Regione Lombardia è il nostro e non l'omonimo del M5S. Lo diciamo perché ad ogni sua decisione il movimento di Grillo "Esulta". 

Via libera della Commissione? Grillo: "Bilancio Ambientale in Lombardia grazie a M5S". 

Il consiglio decide uno stop all'ampliamento degli inceneritori? Grillo: "Grande risultato per M5S Lombardia!".

Menooooo maleeeeeee cheeeeee emme cinque esseeeeee c'èeeeeeeee. Proposta: Li prendiamo in Forza Italia?

Non c'è ombra di dubbio, tra una giovane /non più promessa/ parlamentare che /oltre a svolgere una presenza riconosciuta autorevole a Strasburgo/ affronta con una sconcertante "sicumera" i media nazionali (Floris, Del Debbio, Santoro .. ) e il Valente e caratteriale giornalista amico di potenti e affermati politici provinciali e non .. affermiamo immediatamente che ha ragione Coronetti!

Il sindaco di Varese Attilio Fontana può stare tranquillo. Non ci saranno imboscate, né colpi bassi, da qui all'autunno. Però. Ecco, c'è un però, che va spiegato. È, più o meno questo, il segnale che arriva dalla riunione di mercoledì in una nota pizzeria gallaratese dell'associazione Agorà, che raggruppa la corrente laico-liberal del Pdl, ma non solo. I colonnelli del gruppo hanno messo in chiaro una cosa: l'amministrazione del capoluogo non è in pericolo, a patto che si cambi rotta sul coordinatore cittadino.

Ora è Aldo Colombo, in quota CL. Dovrà lasciare spazio a un esponente di Agorà per rispettare quel delicato equilibrio di forze centripete e centrifughe che da tempo mantiene il Pdl su un sottile filo. Il tutto, secondo i diretti interessati, senza traumi, né fratture. L'obiettivo di Agorà è di concordare il passaggio di consegne con le altre componenti e il candidato ideale, al momento, sembra essere Gianpaolo Ermolli, già vice sindaco nel primo mandato Fontana.

l brindisi di protesta contro l'ordinanza anti-alcol, inscenato il 16 Giugno in piazza Libertà, è stata l'ennesima dimostrazione che a Saronno comandano gli attivisti del centro sociale Telos e che il sindaco Porro gli ha dato le chiavi della città. Non entro nel merito della decisione dell'amministrazione, ma una volta presa va fatta rispettare. [Una ordinanza del Comune di Saronno da aprile, vieta il consumo degli alcolici all'aperto. La violazione è punita con multe a partire da 100 euro (ndr)] Non si possono usare due pesi e due misure, multare due ragazzi che bevono una birra, come è capitato in settimana e chiudere gli occhi se in cinquanta si fanno beffe del regolamento comunale in piazza.

Venerdì Telos organizza un nuovo 'botellon' e rincara la dose sabato con un presidio contro l'arresto dell'attivista saronnese accusato dopo gli scontri avvenuti in occasione dello sgombero dell'ex Cuem, la libreria autogestita dentro l'Università Statale di Milano.

Moxy, il nuovo brand che segna il debutto di Marriott nella fascia degli alberghi di categoria economy, mantiene le promesse. Secondo il business plan, infatti, il primo hotel del marchio doveva debuttare nel 2014 a Milano e così avverrà. La Sea, società di gestione degli scali milanesi, ha infatti siglato un contratto con Inter Hospitality per realizzare una struttura ricettiva a 3 stelle al Terminal 2 dell'aeroporto di Malpensa, quello dedicato ai vettori low cost.

Giovedì, 27 Giugno 2013 00:00

Somma Lombardo da oggi ha una nuova voce

Scritto da

Siamo lieti di annunciarvi che da oggi la zona di Somma Lombardo ha una nuova voce, quella di Agorà Liberi e Forti.

Gentile direttore, ho letto con attenzione il fondo apparso sulla "Prealpina" del 23 giugno firmato da Vincenzo Coronetti.

Le argomentazioni e le teorizzazioni espresse contrastano con i fatti. Dall'articolo traspare un'incomprensibile acrimonia verso la nuova gestione del Pdl: forse perché è meno litigiosa e più compatta? Spero che a monte non ci siano motivi di natura a personale.

Cerca

Rassegna Stampa